Da qualche anno i quadricotteri rappresentano una fetta importante nel mercato dei velivoli radiocomandati, e sono molto richiesti sia da chi li utilizza solo per il proprio diletto, sia da chi ne fa un uso professionale. Dal momento che si trovano in vendita quadricotteri di ogni tipo, che differiscono per prezzo, dimensioni e prestazioni, noi di droniprofessionali.org abbiamo pensato che fosse giunto il momento di dedicare una breve guida all’acquisto di questo tipo di apparecchi. 

Che differenza c’è tra droni e quadricotteri?

Per definizione comune, un quadricottero si differenzia dal drone perché è dotato di quattro rotori e ha la caratteristica forma a croce, in cui le due barre del telaio si intersecano perpendicolarmente tra loro. In realtà, nella vastissima scelta di velivoli presenti sul mercato, esistono droni a tre, quattro, sei e perfino otto rotori (tricotteri, esacotteri, ottocotteri), ma il quadricottero è quello che si è maggiormente affermato soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo professionale.  

Caratteristiche dei quadricotteri

quadricottero

Una delle caratteristiche principali di un quadricottero è il materiale in cui è realizzato: deve essere altamente resistente agli impatti, soprattutto quando si parla di apparecchi professionali. Come per tutti gli altri droni, le eliche sono un componente delicato e particolarmente soggetto agli urti: a questo si può ovviare tenendo sempre con sé delle eliche di riserva. I quadricotteri possono raggiungere un’altezza in volo di alcune centinaia di metri, anche se quelli equipaggiati in una certa maniera arrivano a volare anche a circa un chilometro dal suolo.

L’unità che processa i dati di volo è il Flight Controller, che può offrire funzioni diverse a seconda del software di cui è dotato. Per quanto riguarda l’elettronica interna, l’unità IMU (Inertial Measurement Unit) può contenere strumenti di rilevazione come barometro, altimetro e giroscopio. Il radiocomando dei quadricotteri è solitamente su una frequenza di 2.4 GHz, ma per quanto riguarda i canali si potrebbe aprire un discorso a parte. 

Il motore più utilizzato nei quadricotteri è di tipo brushless (senza spazzole) anche se alcuni modelli molto economici sono dotati di un comune motore a spazzole.
Il motore brushless è collegato al Flight Controller tramite l’ESC (Electronic Speed Control). Le batterie più comuni nei quadricotteri sono le Li-Po ( batterie ai polimeri di litio) e questo perché risultano più leggere, permettendo una maggiore potenza. Rispetto a un comune drone, la batteria di un quadricottero ha meno autonomia, dai 6-8 minuti nei modelli economici ai 18-20 minuti in quelli più costosi.  Cerchi una batteria di riserva? Vedi qui!

Alcuni quadricotteri sono dotati anche di sistema GPS, e non solo necessariamente quelli più costosi. Usando il modulo GPS in combinazione con un’app dedicata, poi, è possibile sfruttare diverse funzionalità all’avanguardia. Infine, diversi modelli di quadricotteri sono dotati di sistema FPV, con la possibilità di collegare diversi accessori che rendono l’esperienza di volo ancora più interessante. 

Peso dei quadricotteri 

Dedichiamo un paragrafo a parte per quanto riguarda il peso di questi velivoli.

Il peso dei quadricotteri può variare tra le poche centinaia di grammi e i 20 kg, a seconda dell’utilizzo più o meno professionale. I quadricotteri oltre i 20 kg sono del tipo impiegato per uso militare e hanno caratteristiche completamente diverse.

Tuttavia, è importante conoscere il regolamento sui mezzi a pilotaggio remoto visibile e scaricabile dal sito dell’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile) dal momento che per pilotare quadricotteri di peso superiore ai 300 gr è necessario seguire un corso e superare il test finale. A questo proposito, il regolamento è attualmente sotto revisione per adeguarlo alle norme europee, per cui sarà quanto mai opportuno mantenersi aggiornati.

Potrebbe interessarti conoscere informazioni sui corsi per pilotare quadricotteri.

Quadricotteri economici

Come anticipato all’inizio del post, si trovano in commercio quadricotteri per ogni fascia di prezzo. Quelli economici sono adatti anche ai bambini, per permettergli di prendere confidenza con i velivoli radiocomandati prima di passare a oggetti più costosi. Anche per gli adulti alle prime armi è consigliato partire con modelli economici che, anche se possono sembrare poco più di un giocattolo, non sono poi così semplici da manovrare e sarebbe inutile acquistare un modello costoso e rischiare di romperlo subito. 

Alcuni modelli economici non sono dotati di videocamera, ma possono comunque regalare diverse ore di divertimento. Se si opta per un modello economico dotato di fotocamera, le prestazioni di volo permettono di ottenere filmati di grande effetto anche da angolazioni particolari. 

Quadricotteri professionali

I quadricotteri professionali sono ovviamente di tutt’altro livello. Progettati per volare più in alto e più a lungo di quelli economici, hanno un costo decisamente maggiore ma possono offrire prestazioni di volo e qualità delle immagini di altissimo livello. Solitamente sono dotati di fotocamera HD o 4k e radiocomando di ultima generazione che può avere un raggio d’azione fino a 1,5 km. Alcuni modelli hanno un raggio di azione di 7km, scopri di più sui modelli di quadricottero a lungo raggio.

Altre funzioni, magari da sfruttare in combinazione con un’app, possono essere la trasmissione video in HD in tempo reale e la possibilità di condividere immediatamente i propri contenuti sui social network.

Alcuni modelli di quadricotteri professionali che abbiamo recensito.

Costruzione dei quadricotteri

Per chi ha manualità, pazienza e tempo da dedicarvi, può essere molto interessante progettare e costruire un quadricottero in autonomia.
I motori e i componenti elettronici possono essere acquistati nei negozi di modellismo e anche in molti store online. Per quanto riguarda il telaio, si può anche pensare di stamparlo con una stampante 3d.

Quando si costruisce un quadricottero si ha la possibilità di progettarlo esattamente secondo le proprie esigenze, e anche se nasce come passatempo può diventare qualcosa di redditizio.

 194 total views,  1 views today

Condividi sui social