Vantaggi Svantaggi
  • Semiprofessionale
  • Qualità Prezzo
  • Dimensioni elevate

Oltre a essere uno dei principali produttori mondiali di smartphone, l’azienda cinese Xiaomi è entrata da qualche anno anche nel mondo dei droni, con una serie di modelli che hanno catturato l’attenzione degli appassionati di quadricotteri per il design, le prestazioni di volo, la tecnologia impiegata e prezzi molto competitivi. Un esempio è lo Xiaomi Mi drone 4k, lanciato sul mercato nel 2017. Dopo un’attenta lettura di recensioni, opinioni e la visione di video nei quali si testano le qualità di volo del quadricottero, ne illustriamo le principali specifiche tecniche, evidenziando punti di forza e limiti.

Scheda tecnica

  • Marca: Xiaomi
  • Modello: Mi Drone 4K
  • Materiale: Fibra di Carbonio
  • Tipo di Motore: Motore Brushless
  • Sistema Satellite: GLONASS, GPS
  • Sensore: Flusso ottico,Sonar
  • Gyro Integrato: 6 Axis Gyro
  • Telecomando: WiFi Telecomando
  • Distanza di Controllo: Circa 3000m
  • FPV Distanza: 4 km
  • Batteria: 15,2V 5100mAh LiPo
  • Tempo di Volo: Circa 27min
  • Risoluzione Video: 4K UHD
  • Contenuto della confezione: 1 x Quadrirotore, 1 x Trasmettitore, 1 x Fotocamera, 1 x Batteria, 1 x Caricabatterie, 4 x Paia di Eliche ( 4CW, 4CCW ), 4 x Protezione di Eliche, 1 x USB Cavo, 1 x Cacciavite, 10 x Viti
Xiaomi Mi Drone 4k
  • 80%
    Design - 80%
  • 83%
    Durata Batteria - 83%
  • 83%
    Caratteristiche - 83%
  • 85%
    Facilità d'uso - 85%
82.8%

Sommario

PRO: Design gradevole, Facile ed intuitivo da utilizzare, Qualità prezzo buono per un modello semiprofessionale.
CONTRO: Dimensioni elevate; Alcuni caratteristiche costruttive da migliorare.
Offerta: Clicca qui per vedere l’offerta>>

Le caratteristiche principali

Il gimbal stabilizzato a tre assi, il Gps, Glonass, il radio comando che funziona ad una distanza fino a 2 chilometri sono i punti di forza dello Xiaomi Mi drone 4k, che rendono questo modello uno dei migliori in circolazione. Il quadricottero è dotato di un processore quad-core Cortex-A7, che gestisce anche i sistemi di posizionamento ottici posti nella faccia inferiore. 

Buona qualità costruttiva ma con alcuni difetti

I materiali plastici usati per realizzare il quadricottero sono di buona qualità. Alcuni difetti si riscontrano negli incastri delle varie componenti. Le gambe di appoggio sono parte flessibili ma il pulsante di sblocco non è sempre preciso, così come quello per il blocco/sblocco della videocamera. Anche se è ripiegabile in minima parte, le dimensioni del drone rimangono notevoli e il trasporto non è semplice, a meno che non si abbia uno zaino molto grande.

La videocamera

La videocamera è montata su un gimbal a 3 assi di buona qualità. Ha un sensore Cmos da 1/2,3 pollici con un f/2.8, quindi non molto luminoso. Le modalità di video supportate sono il Full Hd, 4K e Qhd. La risoluzione delle fotografie è di 12 megapixel.

Il volo

Lo Xiaomi Mi drone 4K può volare a una velocità massima di 16 m/s. Si guida bene e si adatta con facilità al grado di esperienza del pilota. 

L’aggancio del radiocomando al drone è ottimo, anche alla massima distanza. Per quanto riguarda l’autonomia di volo dichiarata dall’azienda cinese si attesta sui 27 minuti. Nei test effettuati scende di qualche minuto, rimanendo comunque superiore ai 20 minuti. Oltre al Gps interno che consente al velivolo di mantenere un volo stabile, il quadricottero è dotato delle funzioni return to home, ovvero torna al punto di partenza quando viene attivato il tasto o la batteria è scarica, orbit mode, ovvero impostato un punto il drone ruota a 360 gradi intorno ad esso, e navigazione waitpoint, il volo avviene in automatico pre-configurando un percorso sulla mappa.

Il radiocomando

Il radiocomando dello Xiaomi Mi Drone 4k si presenta ampio e leggero. I pulsanti di accensione, il tasto di decollo, oltre allo switch per il return to home semplificano l’uso del drone. Non c’è un display. Questa assenza viene sopperita dall’alloggiamento per lo smartphone, che diventa quindi essenziale per il volo. Sul retro del radiocomando sono posizionati pulsanti per registrare foto e video, mentre ai lati ci sono troviamo la ghiera per inclinare la videocamera (a sinistra) e una ghiera personalizzabile (a destra). Nella parte inferiore c’è la porta per la ricarica (micro USB) ed una porta USB per collegare smartphone e telecomando.

Mobile app

L’applicazione è semplice e intuitiva. Non sarà difficile connettere lo smartphone al radiocomando ogni volta che sarà avviata. L’interfaccia di controllo è pulita. Nella parte centrali sono visualizzati la mappa e lo streaming video. Ai lati ci cono l’altitudine, la distanza e la velocità.

Conclusioni

Il prezzo dello Xiaomi Mi drone 4k è un aspetto molto positivovariando tra i 400 e i 450 euro. Il quadricottero si conferma infatti un modello semiprofessionale con buone specifiche tecniche, sebbene senza eccellenze assolute. Di contro ci sono alcuni punti che dovrebbero essere rivisti come gli incastri tra i vari componenti, le dimensioni che rendono difficile il trasporto e l’aggiornamento tecnologico dei dispositivi in dotazione al modello. Acquistarlo è semplice. Ci si può rivolgere ai negozi specializzati o navigare su internet nei tanti siti di e-commerce dedicati al settore come questo. Se si volesse un modello più performante sempre della stessa azienda, si potrebbe guardare al Xiaomi Fimi X8 Se.

 47 total views,  3 views today

Condividi sui social